Servizio per cantoni e comuni

eOperations Svizzera consente ai cantoni e ai comuni di utilizzare il validatore della Confederazione (Validator discreto) dalle rispettive applicazioni specifiche, ai fini della validazione delle firme elettroniche.

 

Il validatore della Confederazione

Negli ultimi anni lo scambio elettronico di documenti si è diffuso sempre di più, acquisendo maggiore importanza dall’inizio della pandemia da coronavirus. La firma elettronica rende legali i documenti digitali. La cosiddetta firma elettronica qualificata equivale alla firma scritta a mano.

Tuttavia, il destinatario deve essere in grado di verificare le firme digitali. A tal scopo, nel 2014 l’Organo direzione informatica della Confederazione (ODIC) ha rilevato dall’Ufficio federale di giustizia una soluzione per la validazione dei documenti firmati elettronicamente sulla base della quale ha implementato come metodo standard il sistema di validazione della firma in uso nell’amministrazione federale dal 2017. In tal modo, il destinatario di un documento PDF è in grado di verificare se per la firma è stato utilizzato un certificato rilasciato da un ufficio autorizzato, se tale certificato era valido al momento della firma e se il documento non sia stato modificato da quando è stato firmato. Dal 2016, il validatore della Confederazione è disponibile tramite l’ODIC e dal 2021 tramite la Cancelleria federale CaF come applicazione web al sito www.validator.ch, o sotto forma di interfaccia tecnica come un cosiddetto «Validator discreto» per l’utilizzo da qualsiasi applicazione specifica.

A seguito della revisione della legge federale sulla firma elettronica (FiEle) e delle nuove specifiche degli standard tecnici, tra il 2019 e il 2021 il sistema di validazione è stato rielaborato. In tale contesto, la CaF ha ritenuto opportuno mettere il Validator discreto anche a disposizione dei cantoni e dei comuni, in modo che questi ultimi possano utilizzare la soluzione federale in futuro, senza doversi munire di proprie soluzioni di validazione. A tal fine, eOperations Svizzera ha istituito nel 2021 su incarico della Cancelleria federale un’offerta corrispondente e ha creato le basi contrattuali in collaborazione con la Cancelleria federale e l’Ufficio federale dell’informatica e della telecomunicazione UFIT (fornitore di servizi). Dall’inizio del 2022, i cantoni interessati e i rispettivi comuni possono ottenere il Validator discreto tramite eOperations Svizzera e utilizzarlo con le applicazioni specifiche di propria scelta. Oltre all’accesso alla soluzione tecnica, eOperations Svizzera offre ai Cantoni assistenza di secondo livello (analogamente a eTraslocoCH), organizza la gestione dei requisiti e fornisce una piattaforma per lo scambio di esperienze.

 

Introduzione graduale nei cantoni

Il sistema di validazione della firma eGov (Validator discreto) è già in uso in 18 cantoni. Altri cantoni stanno mostrando interesse per tale soluzione.

Contatti: Luciano Mini